F1 Max Verstappen iridato: “Ho colto la chance finale: è una follia, ma lo meritiamo”

Max dopo il trionfo ad Abu Dhabi: “Ci ho provato per tutta la gare e mi è andata bene proprio alla fine: finalmente un po’ di fortuna pure per me. Ringrazio Perez e il team: voglio restare qui per la vita. Lewis è stato un avversario straordinario”

Alla fine di un GP di Abu Dhabi assurdo e incredibile, con una partenza sbagliata, una manovra con Hamilton oggetto di discussione poche curve dopo, una virtual e una safety car che hanno stravolto il finale, Max Verstappen all’ultimo giro vince a Yas marina e conquista il suo primo mondiale di F.1. Un urlo nel casco dopo essersi messo le mani davanti alla visiera, quasi a non crederci, e poi, ai box, le prime parole da iridato: “È incredibile, ragazzi, un’emozione pazzesca: ci ho provato tutta la gara, ho avuto l’opportunità all’ultimo giro ed è andata bene – dice Max, primo llandese iridato -. Ho pure ho crampo, è stata una follia, una cosa pazzesca: non ho quasi parole”.

il merito del team

—  

L’abbraccio ai box con i membri della squadra suggella la sua impresa, anche se il titolo costruttori va alla Mercedes non alla Red Bull: “Il mio team lo merita, è stato bellissimo lavorare con loro, qui sto benissimo vorrei restare con loro per altri 15 anni, tutta la vita – prosegue Max -: finalmente un po’ di fortuna pure per me. Ci tengo a ringraziare Perez che ha fatto un grande lavoro di squadra”. Il riferimento è al duello che intorno al 20° giro il suo compagno di squadra ha ingaggiato con Hamilton, rallentandolo, e consentendogli di recuperare terreno. Situazione però non decisiva perché nella seconda parte di gara sono state le Virtual e Safety Car a sparigliare le carte”

tutta la vita davanti

—  

Lo champagne lo bagna e Max fatica a trovare le parole: “Il mio obiettivo fin da piccolo era di essere qui, poi quando lo vivi in prima persona è incredibile: ora ti tornano in mente tutti gli anni passati, i viaggi fatti, i sacrifici affrontati e anche tutte le persone che mi hanno sostenuto nel mio percorso dai kart fino a questo momento”.

onore a lewis

—  

Un pensiero anche al suo rivale, lewius hamilton, la cui fiera opposizione ingigantisce la portata del suo successo iridato, con quel sorpasso decisivo all’ultimo giro, alla curva 5, dopo la ripartenza dalla safety car finale che li ha portati a giocarsi il mondiale, tutta la stagione, in un solo, palpitante, ultimo giro. “Lewis è un pilota fantastico, è stato un avversario straordinario: oggi poteva andare in un verso o nell’altro, lo sport è fatto di momenti così, anche duri e difficili ma siamo pronti e ripeterci l’anno prossimo”.

papà jos

—  

Papà Jos, il mentore di Max, è orgoglioso del successo iridato del figlio: “È stata una gara emozionante, sembrava finita, poi è arrivata la safety car nel finale e noi sappiamo che se c’è un’occasione Max la sa cogliere. Io sono suo padre, ma credo che guardando tutta la stagione lui abbia meritato la vittoria”. Ultima battuta su quel taglio di chicane di Hamilton al primo giro, dopo un duro sorpasso di Verstappen, che non è stato nemmeno investigato dalla direzione gara. “Quando Max fa fuori traiettoria prende 5″ di penalità, credo che Lewis avrebbe almeno dovuto restituire la posizione…”. Le bollicine del trionfo però portano via pure le polemiche.