God of War Ragnarok, i migliori giochi di vichinghi da provare nell’attesa

Aspettando God of War Ragnarok, seguito dell’acclamata avventura con Kratos e Atreus del 2018, ecco i migliori giochi di vichinghi per tutte le piattaforme.

God of War Ragnarok è il seguito attesissimo di God of War del 2018, quello che in gergo viene definito “soft reboot” della saga di Kratos. L’antieroe per eccellenza si è spostato in un nuovo contesto, quello norreno, sensibilmente diverso dal greco sia per le divinità che incontrerà lungo il suo cammino, sia per il clima di certo molto più rigido. 

Al momento, non ha ancora una data d’uscita e, pur essendo in programma per il 2022, l’attesa per il suo arrivo su PlayStation 4 e PlayStation 5 potrebbe essere ancora molto lunga. Che ne dite di godervi uno dei tanti giochi di Vichinghi e soci in circolazione, per ingannare la lunga attesa? Qui per caso abbiamo una lista di giochi ambientati nella mitologia norrena per scaldarvi mentre aspettate God of War Ragnarok.

For Honor —

I Vichinghi sono alcuni dei guerrieri più spettacolari in circolazione e For Honor centra in pieno la fantasia del giocatore medio, in questo senso. Il gioco di combattimento online di Ubisoft mette guerrieri di diverse epoche gli uni contro gli altri – immaginatevi una specie di rudimentale MMA, ma con spade, asce e ogni altro genere di arma bianca.

Tanti lo hanno abbandonato dopo il lancio, ma For Honor ha ancora una community attiva e dedicata che ama spaccarsi la testa vicendevolmente con una spada e calciarsi già da un ponte l’un l’altro. Anche Ubisoft sta ancora supportando il gioco, espandendolo con nuovi guerrieri, mappe ed eventi. Scegliete i Vichinghi, ovviamente…

Assassin’s Creed Valhalla —

Di nuovo Ubisoft, stavolta con un RPG single-player. In Assassin’s Creed Valhalla, i giocatori vestono i panni di un guerriero vichingo chiamato Eivor. Eivor viene portato o portata (si può scegliere liberamente il sesso del personaggio ad inizio avventura) in Inghilterra in cerca di una nuova vita ma deve uccidere approssimativamente 500.000 persone per arrivarci.

Nel gioco, potete costruire un villaggio vichingo, fare un viaggio nella terra delle divinità norrene, visitare la Norvegia e l’America (o Vinlandia, come si chiama qui) e prendere decisioni che plasmeranno il futuro dell’Inghilterra. Tra enormi battaglie e scelte che forgeranno la storia, sarete liberi di navigare per l’Inghilterra in barca, fare incursioni nelle chiese, prendere parte a battaglie di rap, farvi una gara di bevute, scegliere il tipo di barba che vi piace di più, lanciare asce nelle teste della gente e godervi una vera esperienza vichinga.

Hellblade: Senua’s Sacrifice —

Hellblade vi mette nei panni di una guerriera celtica intenta a viaggiare attraverso Helheim, la terra norrena dei morti, per salvare l’anima del marito. Solo che questo non è ciò che sta succedendo davvero nel gioco. La storia di Hellblade esplora il trauma e la psicosi. Tra un raid vichingo e l’altro, Senua deve combattere con i suoi demoni interiori, mentre il suo cervello prova a processare una recente perdita. Tutti gli orrori a cui ha assistito si manifestano nelle sue allucinazioni.

Ninja Theory ha lavorato con esperti di salute mentale per assicurarsi che la raffigurazione della psicosi fosse rispettosa. Il risultato è un tuffo maturo e straziante nelle profondità della psiche umana, attraverso la lente di un videogioco vichingo. Da giocare almeno una volta, anche se è difficile tornarci.

Skyrim —

Non esattamente un gioco di vichinghi ma chiaramente ispirato ai Norreni, Skyrim è un RPG senza tempo che la gente non riesce a smettere di giocare. Ad essere onesti, metterlo in questa lista è un po’ ridondante come raccomandazione, dal momento che tutti e persino le loro nonne hanno giocato Skyrim. Eppure, è una scelta obbligata per articoli del genere.

god of war ragnarok

Potranno non esserci le tipiche navi vichinghe, ma i Nord, le architetture, le persone con nomi come Ysgramor – tutto è chiaramente ispirato ai Vichinghi. Prendete un’ascia e uno scudo, fatevi un personaggio Nord, dategli una barba, ed ecco che avete l’RPG vichingo perfetto.

God of War —

Ovviamente, aspettando God of War Ragnarok, sarebbe un sacrilegio non giocare per la prima volta o rigiocare l’originale God of War di questo nuovo corso norreno. Kratos ha eliminato l’intero pantheon greco e ora è pronto a cominciare con le divinità norrene per proteggere suo figlio. God of War include uno degli approcci più interessanti alla mitologia norrena mai visti nel gaming, dalla maestosità del Serpente del Mondo al twist di Loki verso la fine. Per una serie costruita sullo shock e sul sangue, è persino toccante a volte. Come assicurarsi di non passare le proprie peggiore qualità ai figli? Mettendo su una faccia triste mentre ammazzate brutalmente creature mitiche, naturalmente.

Con il sequel God of War Ragnarok in arrivo, sarà interessante vedere come rovescerà tutto quello che pensate di sapere riguardo al mito norreno ancora una volta. Oh, e c’è anche quel tipo, Thor, da prendere a pugni…

Valheim —

Dopo God of War, questa non sarebbe una buona lista di videogiochi se non ci fosse un po’ di varietà. Valheim è un’esperienza di sopravvivenza vichinga. Costruite un riparo dal freddo, abbattete alberi, eliminate bestie mitologiche e tenetevi in vita masticando bacche. Una volta che avrete costruito una vostra enorme sala dell’idromele e conquistato i dintorni, sarà la volta di solcare i mari in una nave messa in piedi con le vostre mani.

god of war ragnarok

Valheim è uno dei giochi survival più rilassanti in circolazione ed è grandioso giocarlo con gli amici. La sua grafica pastello e low poly lo rende anche un posto delizioso in cui stare, se non si pensa di essere intrappolati in una specie di purgatorio norreno in cui tutto vuole ucciderti.

Northgard —

Northgard esplora le divisioni tra i Vichinghi dei primi tempi, mettendo i Danesi e i Norreni gli uni contro gli altri. È uno strategico vecchio stampo con tanta profondità. Affondando le proprie radici nella mitologia norrena, non ci sono altri clan da fronteggiare – combatterete con metalupo, guerrieri non morti, giganti e altro ancora.

Cosa più importante, Northgard ricorda che i Vichinghi non erano solo guerrieri. Erano pure coltivatori e costruttori, e queste due cose sono fondamentali per avere successo fuori dal campo di battaglia.

The Banner Saga —

I videogiochi amano la mitologia norrena, vero? In The Banner Saga, dovrete difendere una carovana di Vichinghi mentre attraversa un panorama ghiacciato inseguita da un mostruoso nemico. All’infuori delle battaglie strategiche, The Banner Saga è un gioco sulle scelte. Mantenere una carovana viva tra assalti, scarsi rifornimenti di cibo e altri pericoli non è facile, e avrete costantemente le vite dei vostri alleati nelle vostre mani.

god of war ragnarok

Dove la scelta è un’illusione in gran parte dei giochi, The Banner Saga varia tantissimo a seconda delle decisioni che prenderete. È una trilogia che vi rimarrà nella testa a lungo dopo averla completata e non solo per via del suo stile artistico disegnato a mano in salsa Disney.

Ragnarock —

Immaginatevi Beat Saber, ma siete un vichingo su una nave e state suonando i tamburi di guerra a ritmo di musica. Migliore sarà il vostro tempismo, più veloce navigherà la nave. Il gioco è tutto in VR, ed è tattile e soddisfacente suonare sui tamburi con una mazza immaginaria. Il titolo comprende oltre una dozzina di canzoni metal a tema vichingo e tante di queste sono davvero ispirate.

Potete anche giocare online e competere con gli altri giocatori, concatenando combo per vedere la vostra nave superare in velocità quella degli avversari.

Bad North —

Bad North è il Mini Motorways dei giochi di vichinghi. Con uno stile minimalista, Bad North vi porta in un’isola deserta e vi chiede di difenderla contro nemici intenzionati ad invaderla. Il gioco cattura solo quanto basta della complessità di gran parte degli RTS per assicurarsi che continuiate a seguirlo, ma si ferma proprio quando capisce che sarebbe troppo da capire e imparare. 

god of war ragnarok

Volete altri grandi titoli da giocare? Date un’occhiata ai migliori FPS e ai migliori RPG.

Scritto da Kirk McKeand per GLHF