Green pass, la folla protesta a Torino: “No alla dittatura, vogliamo la libertà”

Torino – Dopo le proteste in Francia contro il Green pass del presidente Macron, ecco le prime mobilitazioni anche in Italia. A poche ore di distanza dall’approvazione del nuovo decreto Covid, si è riempita di persone Piazza Castello a Torino per il “No paura Day”, manifestazione lanciata due giorni fa via internet per protestare contro il Green pass e l’obbligo vaccinale.

“La Digos ha contato 2.000 persone e quindi siamo almeno il doppio”, le parole di uno degli speaker della manifestazione pronunciate da un furgone. “Facciamo vedere a tutti cosa vuol dire essere uomini liberi”, ha poi aggiunto mentre la gente scandiva il grido “libertà”. “Siamo circondati da disinformazione e censura – ha detto dal palco allestito in piazza Maurizio Giordano, che di professione è avvocato -. Il Green pass è inconcepibile non solo dal punto di vista costituzionale ma anche umano. Stiamo arrivando a passi molto veloci a una dittatura”. In piazza, fra gli altri, anche esponenti di Forza Nuova Torino e Italexit. “Il governo vuole l’apartheid – ha affermato Roberto Mossetto, segretario della sezione torinese del partito di Gianluigi Paragone – e i commercianti non saranno complici”. Durante l’iniziativa in Piazza Castello si sono levati cori di dissenso quando dal palco è stato fatto il nome del generale Figliuolo, commissario straordinario per l’emergenza. Tra gli speaker c’è il professor Ugo Mattei, docente universitario e candidato a sindaco nel capoluogo piemontese per una lista civica.




Contagi ancora in aumento in Italia, leggi il bollettino

Lo scorso fine settimana quasi 114mila persone sono scese in strada in Francia per protestare contro le nuove misure sanitarie annunciate dal presidente Emmanuel Macron. A Parigi la polizia ha dovuto usare anche i gas lacrimogeni per contenere la folla in piazza. I cortei erano almeno tre: fra i partecipanti esponenti del Front National e dei gilet gialli che paragonano il pass sanitario a uno strumento dittatoriale.