Hamilton incanta e vince, Ferrari distanti dal podio

Queste le pagelle del Gran Premio del Brasile, 19esima prova del Mondiale 2021 di Formula 1. Sulla pista di Interlagos, davanti a un pubblico colorato e festante, grandioso successo di Lewis Hamilton con la Mercedes. Dietro al 7 volte Campione del Mondo, si pazzano Max Verstappen (ora a +14 nella classifica Piloti sul rivale inglese) sulla Red Bull e Valtteri Bottas.

HAMILTON – voto 9: Penalizzato durante la sprint qualifying e con 5 posizioni in meno sulla griglia del Gran Premio (quinta fila) per la sostituzione di alcune componenti del motore, ci mette comunque un battito di ciglia per recuperare tempo, posizioni e sogni iridati. È la sua gara: annichilisce Verstappen e gli ruggisce in faccia. INFINITO

VERSTAPPEN – voto 8: Ancora una volta, l’ennesima, fa stropicciare gli occhi agli appassionati. Al via, senza indugi e con autorevolezza, si piazza davanti a tutti e cerca di fare l’andatura. Tra safety car e ritorni furenti di Hamilton, abbassa il casco e tira dritto. Deve soltanto inchinarsi alla veemenza di Hamilton. TOSTO

LECLERC – voto 7: Potremmo fare un copia e incolla dei giudizi dati durante l’arco della stagione. Sembra leggermente spento rispetto a qualche mese fa, ma è ampiamente comprensibile. La SF21 è migliorata, non abbastanza per vincere. Per quello bisognerà guardare alla prossima annata. Forse. STANCO

SAINZ JR. – voto 6.5: Mezzo punto in meno rispetto al compagno di squadra Leclerc soltamente per la posizione finale. Sostanzialmente in linea col monegasco, non può far altro che restare nel limbo di coloro che ambiscono al podio per tradizione di team, ma raramente riescono a conquistarlo. COSTANTE

ALONSO – voto 6: Da lui, probabilmente, ci si aspetta che tiri fuori un coniglio dal cilindo. Ha sempre una grande cattiveria agonistica, un’altissima dose di competitività, ma non sempre viene aiutato dalla sua Alpine. E dai meccanici. Già guarda al 2022, come se fosse un pivello. PENALIZZATO

VETTEL – voto 5.5: Si fa apprezzare in partenza, dove guadagna un paio di posizioni, e poi gestisce in maniera piuttosto sciapa la sua gara. Potrebbe fare decisamente meglio, ma sembra voler continuare a vivere il suo periodo sonnechcioso di appannamento. PIGRO

NORRIS – voto 5: Ottimo quinto il sabato, annaspa nei bassifondi della classifica durante la gara. I suoi 22 anni festeggiati nel paddock, assieme agli uomini della McLaren, purtroppo non gli portano alcun regalo. Ha tanto ancora da imparare e, grazie a Dio, pure il tempo per farlo. COMUNQUE, AUGURI

TSUNODA – voto 4.5: La conclusione della stagione non è minimamente paragonabile alle sue primissime gare in Formula 1. Perde aderenza con la realtà e, gradualmente, anche quanto di buono si era guadagnato a forza di prestazioni e piazzamenti. Da rivedere. Attentamente. SVUOTATO


Ultimo aggiornamento: Domenica 14 Novembre 2021, 19:44


© RIPRODUZIONE RISERVATA