Lazio, Zaccagni e Basic già titolari contro il Milan? Sarri ci pensa

I tifosi biancocelesti hanno sempre lamentato una panchina corta: ora, con l’esterno del Verona e Basic (oltre agli altri), le seconde linee sono di livello

Lo smoking è pronto. Domenica pomeriggio, alle 18, la Lazio andrà in scena a San Siro. Ci sarà la sfida al Milan dell’ex Pioli. Fra i biancocelesti, tra l’altro, sono pronti a esordire gli ultimi due arrivati: Mattia Zaccagni e Toma Basic. Approfittando della sosta per le nazionali Sarri ha potuto lavorare intensamente con entrambi ed è pronto a mandarli in campo a gara in corso. Saranno, verosimilmente, loro, due dei cinque cambi a disposizione del tecnico biancoceleste. A dimostrazione che la panchina della Lazio, da tempo ritenuta troppo corta dalla piazza, si è finalmente allungata.

LA SITUAZIONE

—  

Curiosamente Zaccagni, che in questa stagione, prima di passare alla Lazio, ha già giocato e segnato due gol in Serie A (con il Verona), ha esordito nel massimo campionato italiano proprio a San Siro, ma contro l’Inter. Era il 23 settembre 2015, l’Inter, guidata da Roberto Mancini, vinse 1-0 (gol di Felipe Melo) e Zaccagni entrò, a 15 dalla fine, al posto di Jacopo Sala. In quello stadio Zaccagni si è tolto anche qualche soddisfazione: il 2 febbraio 2020, contro il Milan che era da poco passato a Pioli, Mattia servì a Faraoni un assist con il quale il Verona strappò il pareggio. Con la Lazio Zaccagni, nel 4-3-3, può ricoprire sia il ruolo di interno di centrocampo (al posto di Luis Alberto) sia quello di ala sinistra. Il club ci crede, Sarri pure. A centrocampo ci dovrebbe invece essere l’esordio di Basic che, a detta di Sarri, può essere l’alternativa sia a Milinkovic che a Luis Alberto. Venendo dal campionato francese (la Lazio lo ha preso dal Bordeaux), avrà bisogno di tempo per inserirsi, ma in allenamento sta convincendo e servirà per far rifiatare i titolari mantenendo alto il ritmo di gioco. Per lui sarà la prima in Italia. Subito a San Siro. E lo smoking è pronto.