l’inno portafortuna della Nazionale (grazie ai napoletani del gruppo) VIDEO

Non c’è solo Notti magiche, il brano simbolo di Italia ’90, a rappresentare la colonna sonora che ha accompagnato l’Italia campione d’Europa. Nell’avventura di Euro 2020 c’è stata un’altra canzone simbolo del gruppo, decisamente meno conosciuta del brano cantato da Gianna Nannini, ed è tutto merito dei napoletani azzurri, a cominciare da Lorenzo Insigne.

 

Leggi anche > Italia-Inghilterra, Donnarumma finalmente spiega perché non ha esultato all’ultimo rigore: «Non avevo capito»

 

 

 

 

Si chiama ‘Ma quale dieta‘ ed è un brano creato nello scorso autunno da Luca Il Sole di Notte, che lavora in un ristorante di Sant’Antimo (Napoli) ma che ha una grande passione per la musica. L’autore è riuscito a creare un brano ballabile ed orecchiabile, diventato subito un must per i napoletani azzurri, a cominciare da Lorenzo Insigne che è il ‘dj’ indiscusso del gruppo.

 

 

 

 

Come racconta un’utente di Twitter, @itsmwengo, grazie anche alla presenza di altri napoletani in squadra, come Gigio Donnarumma e Ciro Immobile, il brano ha conquistato subito tutto il gruppo. Anche se il brano è in napoletano, tutti gli azzurri hanno presto imparato il suo testo, con il ritornello che in italiano recita così: «Ma quale dieta? Mi piacciono le polpette, mi piacciono le cotolette, ho mangiato alle quattro e ho ancora fame ma sono solo le sette».

 

 

 

 

Immobile, Donnarumma e Insigne sono stati i promotori del successo del brano all’interno della nazionale di Roberto Mancini. Il brano ‘Ma quale dieta‘ ha accompagnato gli azzurri durante tutti gli spostamenti di questo Europeo ed è diventato la colonna sonora dei festeggiamenti per tutte le partite vinte, fino alla finale.

 

 

 

 

«È stato divertente ed emozionante vedere tutti i nostri compagni, compresi quelli nati e cresciuti al Nord, cantare in napoletano con noi», ha spiegato Ciro Immobile dopo che il gruppo azzurro è rientrato a Roma.

 

 

 


Ultimo aggiornamento: Martedì 13 Luglio 2021, 14:40




© RIPRODUZIONE RISERVATA