Nba Team Ranking, la classifica Gazzetta al via della stagione 2021-22

Bentornata, Nba. Oggi è il Media Day, il giorno in cui i giocatori incontrano i giornalisti dando il via alla nuova stagione. È anche il giorno in cui tutte le squadre hanno sogni e obiettivi che paiono inevitabilmente raggiungibili, in cui i fan di qualsiasi franchigia sono convinti di poter vincere. La realtà è un’altra: a giugno solo una squadra solleverà il Larry O’Brien Trophy. Per questo torna il Team Ranking, la classifica settimanale con cui Gazzetta.it prova a misurare i rapporti di forza della Association. In questa prima versione del 2021-22, l’obiettivo è capire il valore delle squadre ai nastri di partenza. Prossimo appuntamento dopo la preseason, il 18 ottobre, da lì ogni lunedì per tutta la durata della regular season.

4

PHOENIX SUNS

Squadra che vince non si cambia, o quasi. Monty Williams e Chris Paul riprovano l’assalto all’anello, lasciato a Milwaukee a luglio, riproponendo lo stesso gruppo, che ora ha un anno in più di esperienza e la conoscenza di quello che serve per essere speciali. Se Booker e Ayton crescono ancora, i Suns sono da corsa. Ma confermarsi nello sport è sempre la cosa più difficile…
Obiettivo: Finals

6

UTAH JAZZ

Il miglior team della scorsa regular season, deluso dall’eliminazione al 2° turno playoff, ha provato a puntellare il roster rafforzando la panchina, anello debole delle ultime stagioni. Basterà per essere grandi? Il destino di Utah, come nelle ultime stagioni, sembra dipendere ancora da Donovan Mitchell e Rudy Gobert.
Obiettivo: finale di conference

11

PHILADELPHIA SIXERS

Sarebbero molto più su, se non fosse che Ben Simmons è un caso ancora aperto. L’australiano minaccia di non presentarsi al camp e non giocare mai più per i Sixers. Phila sta cercando da luglio di scambiarlo, ma non ci è ancora riuscita. E anche se obbligasse Simmons a giocare (non può rifiutarsi in eterno, essendo sotto contratto), cosa darà? Senza un rimpiazzo all’altezza, la squadra di Doc Rivers è lontana dal meglio dell’Est. Molto lontana.
Obiettivo: Finals

13

GOLDEN STATE WARRIORS

L’anno della verità comincia aspettando Klay Thompson, pronto al rientro dopo due anni di stop, e col caso del no-vax Wiggins, che per le sue posizioni rischia di non poter giocare in casa. Il talento di Steph Curry è la certezza della squadra di Kerr, ma lui non è eterno: i Warriors vorrebbero tornare a lottare per il titolo quest’anno, ma dietro i big sembra mancare qualcosa.
Obiettivo: secondo turno playoff

19

CHARLOTTE HORNETS

Charlotte riparte da LaMelo Ball, rookie dell’anno in carica, e dal ritorno di Gordon Hayward, perni di una squadra che lo scorso anno, fino a quando la salute ha retto, lottava per un posto importante ai playoff. Gli Hornets quest’anno vogliono capire quanto valgono, con l’idea che valgano tanto…
Obiettivo: playoff

24

TORONTO RAPTORS

La notizia migliore della offseason è il ritorno a Toronto dopo la stagione di esilio a Tampa. I Raptors però giocano per il futuro, non per il presente, come ha chiarito Masai Ujiri. Con Pascal Siakam, nuovo uomo franchigia dopo l’addio di Lowry, ai box almeno per l’inizio della stagione, è ancora più evidente.
Obiettivo: Costruire il futuro