Supercoppa europea, Chelsea-Villarreal 7-6 dopo i rigori

Villarreal al tappeto grazie al portiere, inserito da Tuchel proprio per neutralizzare i tiri dal dischetto. Jorginho implacabile. I penalty epilogo di una gara tirata: 1-1 dopo 120’, reti di Ziyech e Moreno

Ha ragione Max Allegri, quando dice che un allenatore coi cambi “più che altro non deve fare danni”. Poi, a volte bisogna anche azzardare però. Pensate al rischio di Thomas Tuchel: in vista dei rigori che assegneranno la Supercoppa Europea tra Chelsea e Villarreal, che dopo 120′ sono sull’1-1, cambia il portiere. Fuori Mendy, dentro Kepa. E proprio il nuovo entrato è l’uomo decisivo: para i rigori di Mandi e Albiol e regala un altro trofeo ai Blues. Verdetto crudele, anche se non ingiusto, per gli spagnoli, che dopo una partenza horror hanno fatto match pari.

CHE PARTENZA

—  

Il Villarreal, reduce da un precampionato modesto, parte intimidito. Werner dà ragione alla sua dirigenza, che ha fatto di tutto per portare a Londra Lukaku, ma prima di sprofondare nell’anonimato costringe Asenjo alla super-parata. Il portiere si ripete su Kanté, il solito dominatore fin quando ha benzina, e Alonso, nel contesto di una prima mezz’ora in cui in campo c’è solo il Chelsea. Che passa con merito al 27′: palla in profondità di Alonso per Havertz, il tedesco crossa basso per Ziyech che precede Pedraza e firma l’1-0, prima che un problema alla spalla lo costringa a lasciare il posto a Pulisic.

PIU’ EQUILIBRIO

—  

Ma appena la squadra di Tuchel perde un po’ di intensità, la buonissima tecnica individuale del Villarreal emerge. E sono subito problemi per Mendy, bravo su Dia in uscita e salvato dalla traversa sulla conclusione a colpo sicuro di Alberto Moreno, nell’ultima azione del primo tempo. Tuchel si accorge del calo dei suoi e dopo un’ora inserisce Jorginho (lontano dai fasti degli Europei), Mount e Christensen. Ma non basta ad evitare il pari, a quel punto strameritato, del Villarreal. Lo scatenato Gerard Moreno prima si mangia l’1-1 dopo un errore nel rinvio di Mendy, poi dialoga in area con Dia, beffa l’immobile Ruediger e segna di destro.

SUPPLEMENTARI

—  

Le squadre sono evidentemente stanche, ma il Chelsea crea due occasioni: Pulisic spreca da due passi, Asenjo (molto bravo per tutta la partita) dice no a Mount. Si va ai rigori.

RIGORI

—  

Si parte subito con l’errore di Havertz (para Asenjo), poi segnano Gerard Moreno, Azpilicueta e sbaglia Mandi (bel riflesso di Kepa). Marcos Alonso non tradisce, Estupignan spiazza Kepa, Mount è freddissimo come Moi Gomez, Jorginho e Dani Raba. Si va a oltranza: perfetti Pulisic, Foyth, Ruediger, poi Albiol si fa ipnotizzare da Kepa.